Genere: Viking Metal

Bathory – Recensione: Blood Fire Death

“Blood Fire Death”, quarto capitolo discografico dei Bathory del compianto Thomas Forsberg, meglio noto come Quorthon, è un disco nevralgico, vero punto di partenza per lo sviluppo del filone viking metal, forma espressiva tra le più epiche ed eroiche della musica dura. E pensare che i Bathory sono...

Heathen Foray – Recensione: Into Battle

Giunti al quarto album con il presente “Into Battle” gli Heathen Foray dimostrano di aver costantemente migliorato il loro standard compositivo ed esecutivo fino a realizzare queste otto tracce (più hidden track) di viking metal dai tratti fortemente melodici che però lasciano spazio ad alcune variazioni sul tema....

Fortid – Recensione: 9

Fedeli alla svolta di “Pagan Prophecies” (2012) i Fortid continuano con il nuovo album “9” nel solco di un viking/black metal cupo, sostanzialmente ripetitivo e privo di elementi che alleggeriscano la spessa coltre sonora costruita dalle chitarre di Ostein Hansen e Einar “Eldur” Thorberg (anche cantante e tastierista)....

Heidevolk – Recensione: Velua

“Velua”, il quinto album degli olandesi Heidevolk non è un concept organico come il precedente “Batavi” (2012) ma è comunque ispirato da una zona dei Paesi Bassi, il Veluwe, colma di splendidi boschi e leggende. Come di consueto i nostri utilizzano per i testi la loro lingua, alternandola...

Svartsot – Recensione: Vældet

I vichinghi Svartsot tornano sulle scene con un album dal titolo emblematico, ossia “Vældet”, che tradotto significherebbe “sopraffatto.” Più mai quindi i danesi si rifanno, in questo CD, alla tradizione viking senza tralasciare nulla della loro vena folk (nel precedente “Maledictus Eris” del 2011 vi erano molti riferimenti...

Enslaved – Recensione: In Times

L’unico problema, se così possiamo definirlo, di “In Times” (i dettagli), è quello di essere uscito successivamente a un capolavoro come “RIITIIR” (la recensione) che di fatto ha visto gli Enslaved sviluppare in modo ancora più marcato la geniale commistione tra black metal e progressive che ne ha...

Skalmold – Recensione: Með Vættum

Gli Skalmold hanno positivamente stupito la scena viking e folk metal con i primi due album (”Baldur” e “Börn Loka”) e hanno poi colpito definitivamente con il live “Skálmöld og Sinfóníuhljómsveit Íslands”, realizzato con un’orchestra che ha rivisitato i brani dei nostri… rendendo la band islandese una delle...