Genere: Melodic Black Metal

Melechesh – Recensione: Enki

Sono passati cinque anni da “The Epigenesis” (la recensione), ulteriore conferma di come i Melechesh ormai, non sbaglino più un colpo. Un lustro durante il quale il four-piece di Gerusalemme ha subito un rallentamento a causa dei continui cambi di line-up, che ora sembra essersi stabilizzata con il...

Saille – Recensione: Eldritch

Luci ed ombre su “Eldritch” (i dettagli), terzo studio album dei belgi Saille che vede la luce a quasi due anni di distanza dal predecessore “Ritu” (la recensione).  Il six-piece di Ghent era riuscito a convincerci grazie a una formula musicale che, benché datata, rielaborava in modo personale...

Nachtblut – Recensione: Chimonas

Se il precedente album “Dogma” (la recensione) flirtava con sonorità prossime al goth made in Germany, “Chimonas” (i dettagli), la nuova fatica dei tedeschi Nachtblut, vede la band spostarsi in modo convinto verso coste epiche e ricche di enfasi, pur mantenendo intatto il trademark che ha reso il...

Stryvigor – Recensione: Forgotten By Ages

Se un album come “Forgotten By Ages” fosse uscito nella seconda metà degli anni’90, avremmo potuto tranquillamente affiancarlo ai classici del genere, proprio insieme ai platter di quei gruppi che hanno provveduto alla rilettura del black metal in chiave melodico/sinfonica. Dimmu Borgir, Old Man’s Child, Emperor, Arcturus, Dissection,...

Autumn’s Dawn – Recensione: Gone

Gli Autumn’s Dawn sono un two-piece australiano che giunge con “Gone” alla prima fatica sulla lunga distanza. La band è formata da due multi strumentisti che, seguendo le tendenze “depressive” del gruppo, si nascondono dietro ai nickname di Anguish e Sorrow. Cercando di scoprire qualcosa in più sull’identità...