Genere: Dark Progressive

Wolverine – Recensione: Machina Viva

Non essendo mai stati particolarmente prolifici ed avendo, in più, dovuto affrontare alcune spiacevoli vicissitudini personali che li hanno portati ad un passo dallo scioglimento ritroviamo con piacere i Wolverine sempre all’insegna di una malinconia contagiosa ed accasati ad una nuova etichetta (la Sensory è già la quinta...

Leprous – Recensione: The Congregation

Nonostante “The Congregation” abbia avuto una lunga gestazione (si legga a tal proposito l’intervista della nostra Arianna) i Leprous tornano sul mercato in tempi ragionevolmente brevi e anzi risulta chiaro quanto il nuovo lavoro parte dove si era fermato “Coal” (la recensione) come ben dimostrato in “The Flood”. Gli...

Goad – Recensione: Masquerade

Creatura misteriosa quella dei Goad, band fiorentina che, attraverso innumerevoli peripezie, compresi cambi di line up e pseudo agenti desiderosi solo di piazzare un proprio congiunto all’interno del gruppo, vanta comunque una longevità di tutto rispetto (il primo nucleo risale infatti al 1974) e ci presenta, più che...