Genere: Classic Metal

Accept – Recensione: Too Mean To Die

Ci si chiede certamente se oggi si possa definire la versione 2021 degli Accept come credibile, essendo rimasto soltanto un membro originale della band, il chitarrista, compositore principale e caparbio mastermind Wolf Hoffmann. Anche il fido scudiero Peter Baltes ha deciso di lasciare il gruppo, sostituito dal conterraneo...

Sarke – Recensione: Gastwerso

Conoscete i Celtic Frost? No? … Allora continuate a leggere. Ted Skjellum deve annoiarsi molto, come insegnante di musica in una scuola elementare e costretto con il duo Darkthrone a suonare solo in studio. Ecco allora l’arrivo dei Sarke, fondati da lui e dal collega Thomas Berglie, già...

Edenbridge – Recensione: Dynamind

Una sicurezza. Gli austriaci Edenbridge, guidati dal geniaccio Lanvall, arrivati al decimo album ed al ventunesimo anno di esistenza, non si sono mai fermati ed hanno perfezionato il loro suono e le loro intenzioni. Da cloni “gentili” degli Nightwish sono diventati molto di più, in un processo di...

Tungsten – Recensione: We Will Rise

Il Tungsteno è un metallo di transizione, duro e pesante, di colore da bianco a grigio-acciaio, e il celeberrimo batterista Anders Johansson (per citare solo le sue collaborazioni più importanti: Malmsteen, Hammerfall ed ora i Manowar) nel 2016 decise che poteva essere un buon nome per una nuova...