Categoria: Time Warp

Bruce Dickinson – Recensione: Accident Of Birth

Quarto album nella brillante carriera solista di Bruce Dickinson, “Accident Of Birth” costituisce il più acclamato disco in solitaria del cantante inglese insieme al capolavoro “The Chemical Wedding”, uscito appena la stagione successiva (questo per farvi notare di che incredibile ispirazione godesse all’epoca il frontman degli Iron Maiden!)....

Running Wild – Recensione: Blazon Stone

Grazie all’uscita di “Blazon Stone”, datato 1991, i Running Wild continuano il loro stato di grazia con un album che contiene numerosi pezzi immortali (i nostri raggiungono poi la perfezione assoluta con i successivi due capolavori) e li conferma leader nell’heavy metal e sempre più saldi nell’immaginario di...

Buckcherry – Recensione: 15

La formazione americana dei Buckcherry nasce nel 1995 e da alla luce due album seminali come l’omonimo debutto del 1999 a cui segue due anni dopo “Time Bomb”, lavoro che però non riesce ad ottenere il riscontro sperato dalla band di Anaheim e che li porta allo scioglimento...