Categoria: Time Warp

Opeth – Recensione: My Arms, Your Hearse

Pubblicato nel 1998, “My Arms, Your Hearse“, terzo album degli Opeth, non nasce certo con buoni auspici: prima di entrare nello studio di registrazione Mikael Åkerfeldt deve affrontare l’abbandono di Johan DeFarfalla (basso) e Anders Nordin (batteria), che avevano preso parte ai due precedenti lavori. Il frontman/chitarrista della...

Alice In Chains – Recensione: Dirt

Dover scrivere “qualche riga” cercando di raccontare (e giudicare…) in maniera professionale uno dei tuoi album preferiti è di certo uno dei compiti più ingrati per uno scribacchino musicale. È un vero e proprio Everest, una scalata ai limiti dell’impossibile. La retorica è praticamente dietro l’angolo, è quel...

Voivod – Recensione: The Outer Limits

“The Outer Limits”, primo album della band che non vede la presenza del bassista storico Blacky, è uno di quei capolavori sfortunati, portatori sani di un’evoluzione stilistica che aveva cominciato a rinnovare il metal dall’interno e che si è trovata schiacciata negli anni novanta tra l’esplosione dell’alternative/crossover da...

Amorphis – Recensione: Elegy

“Elegy” degli Amorphis è una delle pietre d’angolo della loro discografia. Un trampolino, un balzo e per certi versi anche una scoperta, che ha trasformato la band in una delle più interessanti del panorama metal di fine millennio scorso. Un album di “tradizioni”, questo perché i testi sono...

Kreator – Recensione: Extreme Aggression

Ristampato di recente dalla BMG, insieme ai tre album precedenti, “Extreme Aggression” rappresenta quello che nella carriera di una band può essere definito l’album della svolta professionale. Se infatti solo pochi anni prima i Kreator avevano cominciato come inesperti giovinetti, dediti a fare casino con i loro strumenti...