Band: A.c.t.

A.c.t. – Recensione: Rebirth (EP)

Tornano abbastanza a sorpresa a farsi vivi i “gioiosi” A.C.T, gruppo progressive rock che non ha mai lesinato chitarre heavy e grandeur sinfonica ma che ha sempre portato avanti un approccio positivo e solare alla materia rock in contrapposizione alle melodie ammantate di malinconia di buona parte delle...

A.c.t. – Recensione: Silence

A voler essere di fatto imparziali potremmo dare un giudizio nettamente positivo di questo ‘Silence’ che segna il ritorno sulle scene degli svedesi A.C.T; ma dato che non riusciamo ad essere imparziali di fronte ad una delle band più sfrontatamente pregne di talento dell’ultimo lustro non possiamo nascondere...

Con Inside Out

I geniali A.C.T hanno firmato un contratto con la label tedesca Inside Out. L’approccio fresco alla materia rock, soprattutto durante le esibizioni live, ha creato un grosso seguito agli svedesi che è stata anche votata in passato miglior live band allo Sweden Rock Festival. La prima release per...

Ristampa in arrivo

Uscirà il 28 Giugno su Atenzia Records la ristampa del secondo album degli A.C.T., ‘Imaginary Friends’. La versione rimasterizzata avrà una nuova copertina, oltre alla cover di ‘Mouse In A Maze’ dei Saga e un documentario sulla realizzazione del disco di 11 minuti. Fonte: actworld.nu

Al lavoro

Gli A.C.T. sono attualmente al lavoro sui pezzi che saranno inclusi nel loro quarto album. La band ha già scritto la struttura base di dieci brani, mentre ora si stanno occupando di raffinare gli arrangiamenti e scrivere i testi. I pezzi sono descritti come "heavy, meravigliosi, soft, grandi...

A.c.t. – Recensione: Last Epic

Giunti al terzo album, gli svedesi A.C.T. focalizzano la loro proposta nel marasma sinfonico e progressivo. Mischiano le carte e progettano una sorta di pensionato per storie e musiche. Un’entrata abbastanza spoglia ci conduce, su per la tromba delle scale, ai vari appartamenti quasi a voler sfogliare le...

A.c.t. – Recensione: Imaginary Friends

Che siano proprio gli “amici immaginari” degli ACT a consentirgli di trovare ispirazione e di non fossilizzarsi su un unico piatto genere? Boh! Questi svedesi, comunque, propongono un’interessante e in prospettiva confortante miscela di metallo progressivo e di reminiscenze alla Queen. In questo, che probabilmente è un concept,...