Autore: Simone Appolloni

About Simone Appolloni

has published 27 posts

Bethlehem – Recensione: Lebe dich leer

A volte il semplice fatto di farsi da portavoce di temi alienanti e oscuri può essere più un intralcio che altro. Dopo aver incluso nella propria formazione la celebre frontwoman dei Darkened Nocturn Slaughtercult, Yvonne Wilczynska, i tedeschi Bethlehem sembrano aver trovato una seconda giovinezza compositiva, una giovinezza...

Stormlord – Recensione: Far

Un sound che ingloba, avviluppa e marcia inesorabilmente verso l’apocalisse… La tendenza a scrivere, produrre e registrare album con l’obiettivo di farli suonare più epici possibile è indubbiamente un cliché, ma ciò non ha impedito agli Stormlord di continuare la loro carriera. Fondati nei primi anni 90’, il...

Helheim – Recensione: Rignir

Strano gruppo, gli Helheim. Fondati a Bergen, nota città in Norvegia per ospitare una buona parte di gruppi black metal provenienti da quel paese, specialmente la variante più musicale ed eterogenea (Takke, Borknagar, Vulture Industries, Burzum), il gruppo registrò quella pietra militare che era il loro debutto, “Jormungand”,...

Cirith Gorgor – Recensione: Sovereign

Fin dalla loro formazione, il gruppo olandese Cirith Gorgor è specializzato in fabbricare Black Metal ambizioso, possente e basato su giri armonici mai semplici, non sempre immediatamente memorabili. Avendo cambiato suono ed immagine praticamente ad ogni nuovo album, hanno una storia un po’ complessa, che li distingue da...

Enforcer – Recensione: Zenith

Fallita cover band degli Iron Maiden, un gruppo di ragazzi nati in 30 anni di ritardo, una band onesta in studio quanto bestiale dal vivo, un connubio tra il vecchio stile NWOBHM e gli atteggiamenti e vestiario glam… chiamateli come vi pare. Gli svedesi Enforcer non hanno mai...

Inculter – Recensione: Fatal Visions

Fino al 2012, la Norvegia era conosciuta principalmente come la patria di un genere di musica tanto estremo quanto particolare: black metal. Improvvisamente, sul web, cominciò ad imperversare un’altra scena musicale di un genere che non aveva mai prima d’ora attecchito in quel luogo, se non come influenza:...