Autore: Riccardo Manazza

Incapace di vivere lontano dalla musica per più di qualche ora è il “vecchio” della compagnia. In redazione fin dal 2000 ha passato più o meno tutta la sua vita ad ascoltare metal, cominciando negli anni ottanta e scoprendo solo di recente di essere tanto fuori moda da essere definito old school. Il commento più comune alle sue idee musicali è “sei il solito metallaro del cxxxo”, ma d'altronde quando si nasce in piena notte durante una tempesta di fulmini, il destino appare segnato sin dai primi minuti di vita. Tra i quesiti esistenziali che lo affliggono i più comuni sono il chiedersi il perché le band che non sanno scrivere canzoni si ostinino ad autodefinirsi prog o avant-qualcosa, e il come sia possibile che non sia ancora stato creato un culto ufficiale dei Mercyful Fate.

About Riccardo Manazza

has published 2141 posts

Incapace di vivere lontano dalla musica per più di qualche ora è il “vecchio” della compagnia. In redazione fin dal 2000 ha passato più o meno tutta la sua vita ad ascoltare metal, cominciando negli anni ottanta e scoprendo solo di recente di essere tanto fuori moda da essere definito old school. Il commento più comune alle sue idee musicali è “sei il solito metallaro del cxxxo”, ma d'altronde quando si nasce in piena notte durante una tempesta di fulmini, il destino appare segnato sin dai primi minuti di vita. Tra i quesiti esistenziali che lo affliggono i più comuni sono il chiedersi il perché le band che non sanno scrivere canzoni si ostinino ad autodefinirsi prog o avant-qualcosa, e il come sia possibile che non sia ancora stato creato un culto ufficiale dei Mercyful Fate.

Issa – Recensione: Run With The Pack

Quinto album sotto l’egida di Frontiers Records per la brava cantante norvegese. Come spesso accaduto per artisti legati alla label negli ultimi anni ad affiancarsi nel lavoro di stesura brani e produzione è Alessandro Del Vecchio, per questa occasione appoggiato nuovamente da un team di musicisti di elevata...

Bonfire – Recensione: Temple Of Lies

Freschi del nuovo contratto firmato con AFM Records tornano a farsi sentire i teutonici Bonfire. Diciamo subito che se la svolta più heavy dell’album precedente aveva incontrato il vostro gradimento, con “Temple Of Lies” ritroverete esattamente la stessa formula, nonché la stessa identica line-up. Dopo la più classica...

Pungent Stench – Recensione: Smut Kingdom

Se pur ufficialmente disciolti da una decina d’anni i Pungent Stench hanno sempre goduto di una meritata considerazione nel sottobosco degli amanti del death più classico. Molto gradita è stata quindi la serie di ristampe appena pubblicate dalla Dissonance, che ha reso nuovamente disponibile tutto il catalogo storico...

Whyzdom – Recensione: As Time Turns To Dust

I francesi Whyzdom sono una band con belle potenzialità, che fatica però a concretizzare in album di altrettanto buona qualità complessiva. Se infatti il lavoro svolto nelle raffinate costruzioni orchestrali e negli arrangiamenti è sempre lodevole, troppo spesso esso non si accompagna ad una sostanza così interessante nelle...

L.a. Guns – Recensione: Made In Milan

Un’esibizione esaltante, come quella tenuta dagli L.A. Guns al mai troppo lodato Frontiers Festival l’anno scorso, meritava senza ombra di dubbio di ricevere una pubblicazione ufficiale. Ed ecco che, come accaduto già per altre band, il documento arriva bello fresco sui nostri impianti audiovideo. Che dire, chiunque abbia...

W.e.t. – Recensione: Earthrage

I W.E.T. sono senza dubbio uno dei progetti meglio riusciti tra quelli messi insieme dalla Frontiers in tutti questi anni di lavoro. Il loro debutto ha folgorato praticamente tutti gli amanti del hard deluxe e anche il successivo “Rise Up” ha confermato come la band sia in grado...