Autore: Riccardo Manazza

Incapace di vivere lontano dalla musica per più di qualche ora è il “vecchio” della compagnia. In redazione fin dal 2000 ha passato più o meno tutta la sua vita ad ascoltare metal, cominciando negli anni ottanta e scoprendo solo di recente di essere tanto fuori moda da essere definito old school. Il commento più comune alle sue idee musicali è “sei il solito metallaro del cxxxo”, ma d'altronde quando si nasce in piena notte durante una tempesta di fulmini, il destino appare segnato sin dai primi minuti di vita. Tra i quesiti esistenziali che lo affliggono i più comuni sono il chiedersi il perché le band che non sanno scrivere canzoni si ostinino ad autodefinirsi prog o avant-qualcosa, e il come sia possibile che non sia ancora stato creato un culto ufficiale dei Mercyful Fate.

About Riccardo Manazza

has published 2213 posts

Incapace di vivere lontano dalla musica per più di qualche ora è il “vecchio” della compagnia. In redazione fin dal 2000 ha passato più o meno tutta la sua vita ad ascoltare metal, cominciando negli anni ottanta e scoprendo solo di recente di essere tanto fuori moda da essere definito old school. Il commento più comune alle sue idee musicali è “sei il solito metallaro del cxxxo”, ma d'altronde quando si nasce in piena notte durante una tempesta di fulmini, il destino appare segnato sin dai primi minuti di vita. Tra i quesiti esistenziali che lo affliggono i più comuni sono il chiedersi il perché le band che non sanno scrivere canzoni si ostinino ad autodefinirsi prog o avant-qualcosa, e il come sia possibile che non sia ancora stato creato un culto ufficiale dei Mercyful Fate.

Exhumed – Recensione: Horror

Quindici brani, ventisei minuti di violenza sonora, in una parola gli Exhumed. Non ci sono poi molte altre cose da dire su un album come “Horror”. Chi conosce la band sa infatti cosa aspettarsi dal combo americano e chi invece non li conosce… beh, dovrebbe sapere che in...

Michael Sweet – Recensione: Ten

Quando si è dotati di un ugola dal timbro inimitabile e dalle capacità d’estensione di Michael Sweet è difficile immaginarsi che da un album solista esca fuori qualcosa di meno che eccellente. Ed in effetti il nostro ha sempre soddisfatto le aspettative di chi da ormai tanti anni...

The Ferrymen – Recensione: A New Evil

Il progetto The Ferrymen è la dimostrazione compiuta di come una band di professionisti affermati e una qualità formale sensazionale non siano caratteri sufficienti per avere un risultato artistico altrettanto splendente. Vista la formula, proposta con discreto risultato al primo giro e già ben rodata con molti altri...