Autore: Riccardo Manazza

Incapace di vivere lontano dalla musica per più di qualche ora è il “vecchio” della compagnia. In redazione fin dal 2000 ha passato più o meno tutta la sua vita ad ascoltare metal, cominciando negli anni ottanta e scoprendo solo di recente di essere tanto fuori moda da essere definito old school. Il commento più comune alle sue idee musicali è “sei il solito metallaro del cxxxo”, ma d'altronde quando si nasce in piena notte durante una tempesta di fulmini, il destino appare segnato sin dai primi minuti di vita. Tra i quesiti esistenziali che lo affliggono i più comuni sono il chiedersi il perché le band che non sanno scrivere canzoni si ostinino ad autodefinirsi prog o avant-qualcosa, e il come sia possibile che non sia ancora stato creato un culto ufficiale dei Mercyful Fate.

About Riccardo Manazza

has published 907 posts

Incapace di vivere lontano dalla musica per più di qualche ora è il “vecchio” della compagnia. In redazione fin dal 2000 ha passato più o meno tutta la sua vita ad ascoltare metal, cominciando negli anni ottanta e scoprendo solo di recente di essere tanto fuori moda da essere definito old school. Il commento più comune alle sue idee musicali è “sei il solito metallaro del cxxxo”, ma d'altronde quando si nasce in piena notte durante una tempesta di fulmini, il destino appare segnato sin dai primi minuti di vita. Tra i quesiti esistenziali che lo affliggono i più comuni sono il chiedersi il perché le band che non sanno scrivere canzoni si ostinino ad autodefinirsi prog o avant-qualcosa, e il come sia possibile che non sia ancora stato creato un culto ufficiale dei Mercyful Fate.

Loudness – Recensione: Rise To Glory

Anche se molti dalle nostre parti sembrano fare fatica anche solo a ricordarseli, per me un nuovo album della magistrale formazione giapponese è sempre un piccolo evento. Questo perché, a dispetto delle critiche un tantino miopi di chi si aspetta dalle band anni ottanta la continua riproposizione dei...

Tribulation – Recensione: Down Below

I Tribulation sono una delle rare band su cui tutti oggi sembrano puntare. Dopo la svolta avvenuta con il precedente lavoro, “Down Below” ha visto crescere l’entusiasmo attorno al loro nome fin dalla presentazione delle prime tracce sui soliti canali promozionali. Mi permetto però di gettare acqua sul...

Accuser – Recensione: The Mastery

Per chi scrive il precedente album “The Forlorn Divide” era stata una gradita sorpresa e questo nuovo “The Mastery” diventa quindi un’altrettanta piacevole conferma. Gli Accuser sembrano infatti aver trovato il giusto equilibrio tra gli elementi che compongono la loro musica, rimanendo volentieri in bilico tra una proposta...