Autore: Riccardo Manazza

Incapace di vivere lontano dalla musica per più di qualche ora è il “vecchio” della compagnia. In redazione fin dal 2000 ha passato più o meno tutta la sua vita ad ascoltare metal, cominciando negli anni ottanta e scoprendo solo di recente di essere tanto fuori moda da essere definito old school. Il commento più comune alle sue idee musicali è “sei il solito metallaro del cxxxo”, ma d'altronde quando si nasce in piena notte durante una tempesta di fulmini, il destino appare segnato sin dai primi minuti di vita. Tra i quesiti esistenziali che lo affliggono i più comuni sono il chiedersi il perché le band che non sanno scrivere canzoni si ostinino ad autodefinirsi prog o avant-qualcosa, e il come sia possibile che non sia ancora stato creato un culto ufficiale dei Mercyful Fate.

About Riccardo Manazza

has published 2096 posts

Incapace di vivere lontano dalla musica per più di qualche ora è il “vecchio” della compagnia. In redazione fin dal 2000 ha passato più o meno tutta la sua vita ad ascoltare metal, cominciando negli anni ottanta e scoprendo solo di recente di essere tanto fuori moda da essere definito old school. Il commento più comune alle sue idee musicali è “sei il solito metallaro del cxxxo”, ma d'altronde quando si nasce in piena notte durante una tempesta di fulmini, il destino appare segnato sin dai primi minuti di vita. Tra i quesiti esistenziali che lo affliggono i più comuni sono il chiedersi il perché le band che non sanno scrivere canzoni si ostinino ad autodefinirsi prog o avant-qualcosa, e il come sia possibile che non sia ancora stato creato un culto ufficiale dei Mercyful Fate.

Great White – Recensione: Full Circle

Questo disco ha tutto, ma proprio tutto, per essere definito un buonissimo album di hard rock tipicamente anni ottanta. La produzione, affidata dopo tanto tempo al sempre eccellente Michael Wagener, è perfetta, ben calibrata nell’equilibrio tra le chitarre e la base ritmica, con anche un bell’accento sulle vocals...

Kreator – Recensione: Extreme Aggression

Ristampato di recente dalla BMG, insieme ai tre album precedenti, “Extreme Aggression” rappresenta quello che nella carriera di una band può essere definito l’album della svolta professionale. Se infatti solo pochi anni prima i Kreator avevano cominciato come inesperti giovinetti, dediti a fare casino con i loro strumenti...

Dream Evil – Recensioni: Six

Ora, la questione non è se i Dream Evil siano bravi o meno. Lo sappiamo tutti che la band è preparatissima e altrettanto capace di accattivarsi le simpatie del pubblico amante del metal super classico. La vera questione è se davvero ha ancora una portata artistica qualsiasi riprodurre...