Autore: Pasquale Gennarelli

"L'arte per amore dell'arte". La passione che brucia dentro il suo cuore ad animare la vita di questo fumetallaro. Come un moderno Ulisse è curioso e temerario, si muove tra le varie forme di comunicazione e non sfugge al confronto. Scrive di Metal, di Fumetto, di Arte, Cinema e Videogame. Ah, è inutile che la cerchiate, la Kryptonite non ha alcun effetto su di lui.

About Pasquale Gennarelli

has published 820 posts

"L'arte per amore dell'arte". La passione che brucia dentro il suo cuore ad animare la vita di questo fumetallaro. Come un moderno Ulisse è curioso e temerario, si muove tra le varie forme di comunicazione e non sfugge al confronto. Scrive di Metal, di Fumetto, di Arte, Cinema e Videogame. Ah, è inutile che la cerchiate, la Kryptonite non ha alcun effetto su di lui.

Black Rainbows – Recensione: Pandaemonium

Non si arresta l’ascesa dei Black Rainbows che, a distanza di due anni dalla precedente prova sulla lunga distanza, “Stellar Prophecy”, ritornano sulla scena con l’ennesima massiccia dose di Stoner Rock dalle diverse influenze. “Pandaemonium”, questo il titolo del sesto album della discografia della band romana, esce sotto...

Memoriam – Recensione: The Silent Vigil

Tornano con il loro secondo disco intitolato “The Silent Vigil” i Memoriam, band nata nel 2016 dalle ceneri dei seminali Bolt Thrower, capitanata da Karl Willets (Bolt Thrower) alla voce; completano la formazione Frank Healy (Benediction, Cerebral Fix) al basso, Scott Fairfax (Cerebral Fix) alla chitarra e Andy Whale (Bolt Thrower) alla batteria, a consolidare un quartetto che,...

Ektomorf – Recensione: Fury

Dopo uno scossone che ha portato a un radicale cambiamento della line-up, il mastermind degli ungheresi Ektomorf, Zoltán Farkas, ha arruolato Szebasztián Simon (chitarra), Attila Asztalos (basso) e Dániel Szabó (batteria) per dare alle stampe “Fury”, nuovo disco della band uscito ancora sotto l’egida di AFM Records. A...

Death – Recensione: Human

Il successo di molte band è indissolubilmente legato allo spessore del proprio mastermind. Nel caso dei Death questo concetto assume una valenza ancora più profonda: non sarebbe mai esistita la band senza la volontà di Chuck Schuldiner, non sarebbero mai stati i Death una delle band più influenti del...