Autore: Matteo Roversi

Nerd e metallaro, mi piace la buona musica a 360 gradi e sono un giramondo per concerti (ma non solo per questi). Oltre al metal, le mie passioni sono il cinema e la letteratura fantasy e horror, i fumetti e i giochi di ruolo. Lavorerei anche nel marketing… ma questa è un’altra storia!

About Matteo Roversi

has published 1047 posts

Nerd e metallaro, mi piace la buona musica a 360 gradi e sono un giramondo per concerti (ma non solo per questi). Oltre al metal, le mie passioni sono il cinema e la letteratura fantasy e horror, i fumetti e i giochi di ruolo. Lavorerei anche nel marketing… ma questa è un’altra storia!

Beneath – Recensione: Ephemeris

Gli islandesi Beneath festeggiano i dieci anni dalla propria fondazione dando alle stampe un solido disco di genere. Le nove tracce che compongono il loro terzo full-length “Ephemeris” sono infatti votate a un brutal death metal senza dubbio canonico, ma dall’alto valore tecnico e di sicura efficacia. Non...

Rex Brown – Recensione: Smoke On This…

Dopo una lunghissima carriera trascorsa militando in band fondamentali per la storia del metal, Pantera e Down ovviamente su tutte (ma non dimentichiamo pure una collaborazione coi Crowbar), arriva anche per Rex Brown il momento del primo album solista. Il presente “Smoke On This…” non poteva che costituire...

Pathology – Recensione: Pathology

I Pathologoy continuano a sfornare dischi a ritmo di produzione industriale: il loro nuovo, omonimo album rappresenta infatti il full-length numero 9 in appena 11 anni di carriera. Una carriera che mai ha riservato, continua a non riservare e quasi sicuramente nemmeno in futuro riserverà particolari sorprese. Incuranti...

Bardspec – Recensione: Hydrogen

I Bardspec sono senza dubbio una creatura molto particolare e abbastanza insolita anche per i canoni che abitualmente affrontiamo su Metallus. Ci troviamo infatti di fronte al progetto ambient del mastermind degli Enslaved, Ivar Bjørnson: quasi una one-man band dedita a una proposta totalmente strumentale in cui le...

Goatwhore – Recensione: Vengeful Ascension

  I Goatwhore festeggiano i 20 anni di carriera nell’unico modo che poteva esser loro congeniale, ovvero offrendoci l’ennesimo grezzo assalto a base di metal estremo rude e senza fronzoli, ma allo stesso tempo caratterizzato da un certo tasso tecnico. Per il presente “Vengeful Ascension”, settimo sigillo nella...

Entrails – Recensione: World Inferno

A cadenza ormai biennale ci ritroviamo a commentare un nuovo disco degli Entrails e a dirvi ogni volta le stesse cose. Non sarà dunque il quinto full-length in carriera “World Inferno” a cambiare il nostro giudizio, dato che anche in quest’occasione gli svedesi hanno dalla loro la passione...