Autore: Leonardo Cammi

Bibliotecario appassionato a tutto il metal (e molto altro) con particolare attenzione per l’epic, il classic, il power, il folk, l’hard rock, l’AOR il black sinfonico e tutto il christian metal. Formato come storico medievalista adora la saggistica storica, i classici e la letteratura fantasy. In Metallus dal 2001.

About Leonardo Cammi

has published 1298 posts

Bibliotecario appassionato a tutto il metal (e molto altro) con particolare attenzione per l’epic, il classic, il power, il folk, l’hard rock, l’AOR il black sinfonico e tutto il christian metal. Formato come storico medievalista adora la saggistica storica, i classici e la letteratura fantasy. In Metallus dal 2001.

Korpiklaani – Recensione: Kulkija

I Korpiklaani realizzano con il decimo album “Kulkija” un lavoro completo e maturo che identifica perfettamente il livello compositivo raggiunto dal combo finlandese dopo quindici anni di attività frenetica (ma in realtà in forme e con nomi diversi la band esiste dal 1993) fra numerose uscite e tantissimi...

Stormwitch – Recensione: Tales Of Terror

Appena un anno dopo il debutto “Walpurgis Night” (crudo, primitivo ma molto efficace) gli Stormwitch tornano alla carica con “Tales Of Terror”, un album che si mantiene ancorato all’idea dei tedeschi di heavy metal melodico ma che rispetto all’esordio cura maggiormente gli arrangiamenti con soluzioni compositive a tratti...

Van Canto – Recensione: Trust In Rust

Dopo l’ottimo “Voices Of Fire” del 2016, concept album ad ambientazione fantasy (il top per questa proposta musicale) i Van Canto tornano sulla scena con un album più canonico (per quanto possa risultare canonica la loro proposta!) e quindi sotto certi aspetti meno accattivante. Già la copertina di...

Mad Max – Recensione: 35

Digerita una pausa un po’ più lunga del solito e soprattutto dopo aver abbandonato del tutto il sound meno immediato e astruso di release come “Welcome America” i Mad Max tornano ad un solidissimo hard rock roccioso, melodico e di grande impatto con “35” che prosegue e migliora...

Battleroar – Recensione: Codex Epicus

A quattro anni di distanza dal precedente “Blood Of Legends” tornano per il loro quinto album i Battleroar che confermano al timone l’inossidabile tedesco Gerrit Mutz (Sacred Steel), cantante in grado di accendere i cuori dei veri defender e portarli al massimo dell’estasi epica. La band greca conferma...

Cryonic Temple – Recensione: Deliverance

Dopo un ritorno alle scene di eccellente livello come “Into The Glorious Battle” dell’anno scorso i Cryonic Temple sembrano attingere ad energie notevoli e voglia irrefrenabile di suonare e comporre ed infatti dopo tanti concerti i nostri realizzano parecchie tracce che a un solo anno di distanza (quasi...