Autore: Giovanni Barbo

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

About Giovanni Barbo

has published 1093 posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

Ayreon – Recensione: The Source

  Sono passati ormai ventidue anni dall’uscita del primo album targato Ayreon: sembra ieri che Arjen Lucassen diede vita al suo personalissimo progetto post Vengeance. Con la moltitudine di ospiti e di generi musicali, il monicker Ayreon è divenuto nel corso degli anni un punto di riferimento per...

Zz Top – Recensione: Fandango!

Torrido e piccante proprio come la terra d’origine dei texani ZZ Top, “Fandango!” è la definitiva consacrazione di una band genuina, ironica, coinvolgente, ma contiene anche una delle prove dal vivo tuttora più efficaci nella storia del rock: ascoltando il “lato A” di quello che è il loro...

Vescera – Recensione: Beyond The Fight

Metal melodico molto tradizionale quello proposto dal veterano Mike Vescera, al sesto album solista (se si considerano anche quelli usciti a nome Mike Vescera Project) in una carriera che lo ha visto protagonista con Malmsteen, nei Loudness e negli Obsession solo per nominare alcune delle band di cui...

Eclipse – Recensione: Momentum

Realtà tra le più solide emerse dalla fertile scena svedese negli anni passati, gli Eclipse proseguono con la loro proposta musicale, diretta ma al tempo stesso perfettamente riconoscibile nel suo porsi al crocevia tra melodic rock e class metal. Chi ancora non li conoscesse (vergogna!) potrebbe immaginarli come...

Kyuss – Recensione: Wretch

Prima dei capolavori e della consacrazione come una delle band più importanti degli anni ’90, ci fu “Wretch”. In cui, del resto, già molto di quello che era a venire si poteva ampiamente intuire. Raccolta di demo preesistenti e nuovo materiale, è il primo album e la prima...