Autore: Giovanni Barbo

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

About Giovanni Barbo

has published 1104 posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

Riverdogs – Recensione: California

Hard rock melodico grintoso, benedetto dalla sei corde di Vivian Campbell ed interpretato con classe e grinta da Rob Lamothe: sono loro due l’anima dei Riverdogs, oggi come alla fine degli anni ’80, quando li fondarono. Musica coinvolgente ed ariosa, che richiama gli ampi spazi della provincia americana...

Ten – Recensione: Gothica

Prosegue nella sua altalena – se non altro in termini qualitativi – la carriera dei Ten, che fanno seguito al non entusiasmante “Isla De Muerta” con questo “Gothica”, ovvero un buon recupero di sound e ispirazione, oltre al ritrovamento di quella capacità unica di ammantare il loro classico...

Styx – Recensione: The Mission

Atteso, attesissimo: “The Mission” arriva dodici anni dopo l’ultimo lavoro in studio, addirittura quattordici dopo il sottovalutato “Cyclorama” che era l’ultimo lavoro degli Styx a contenere materiale originale. Le anticipazioni che raccontavano di un concept, per di più di tema fantascientifico, facevano temere una debacle in stile “Kilroy...

Cky – Recensione: The Phoenix

Era dal 2009 che non si facevano sentire con un nuovo album in studio i CKY: in realtà “The Phoenix” è composto soltanto da otto pezzi, ben tre dei quali in realtà già usciti in precedenza come singoli. In primis la potente opener “Repleaceable”, ma pure la meno...

Snakecharmer – Recensione: Second Skin

Hard rock intriso di blues, dalla lezione dei primi Whitesnake: gli Snakecharmer confermano la proposta musicale per il follow-up dell’omonimo debutto, a quattro anni di distanza e con una novità nella line up. Al posto di Mick Moody c’è il talentuoso chitarrista irlandese Simon McBride, un’esperienza notevole anche...

Harem Scarem – Recensione: United

Sono davvero poche le band in campo melodic rock che possono vantare una discografia solida come quella degli Harem Scarem: non fa eccezione neppure il nuovo “United”, in cui la capacità compositiva del duo Hess/Lesperance, il sound sempre riconoscibile della band unito ad un’energia ed una freschezza proprie...