Autore: Giovanni Barbo

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

About Giovanni Barbo

has published 1218 posts

Appassionato di cinema americano indipendente e narrativa americana postmoderna, tra un film dei fratelli Coen e un libro di D.F.Wallace ama perdersi nelle melodie zuccherose di AOR, pomp rock, WestCoast e dintorni. Con qualche gustosa divagazione.

The Stone Garden – Recensione: Black Magic

Hard rock tradizionale muscolare, diretto e robusto quello proposto dai bergamaschi The Stone Garden, imperniato sulle ruvide chitarre di Carlo Lancini e Marco Mazzucotelli. La band è nata ufficialmente nel 2015, ma i membri hanno accumulato una pluriennale esperienza sul palco, aprendo anche per nomi importanti del panorama...

Dynazty – Recensione: The Dark Delight

Prosegue la marcia solenne dei Dynazty nei piani alti del metal melodico: una materia che la band svedese interpreta da ormai dodici anni con grande senso della melodia e una magniloquenza capace di mettere in soggezione anche l’ascoltatore più audace. Una capacità di creare atmosfere che di per...

Gotthard – Recensione: 13

Un album con sound decisamente moderno e tagliente, spesso aggressivo, che è in grado di affondare colpi affilati ma per un bel pezzo di strada rinuncia a quella sapiente miscela di sogno e melodia che hanno caratterizzato i Gotthard dei tempi migliori: questo è “13”. Un cambio di...

Harem Scarem – Recensione: Change The World

Altro centro. Il punto forte degli Harem Scarem, nel nuovo “Change The World”, torna ad essere la capacità di emozionare, quattordici album dopo il pur irripetibile capolavoro “Mood Swings”. Un viaggio di straordinario intensità, in cui la continuità è rappresentata dall’inconfondibile trademark risultato della fusione di armonie vocali (cui...

Ozzy Osbourne – Recensione: Ordinary Man

L’uscita di “Ordinary Man” arriva a pochi giorni dalla comunicazione al pubblico che Ozzy ha il morbo di Parkinson (sarebbe stato, però, diagnosticato già nel 2003) e ad ancora meno dall’annullamento delle date nordamericane dal tour. Questo rende difficile parlare in maniera obiettiva di un album attesissimo: dieci...