Autore: Anna Minguzzi

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

About Anna Minguzzi

has published 11398 posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

Dogpound – Recensione: III

Giunti all’importante traguardo del terzo album, gli svedesi Dogpound affermano di avere lavorato sodo per la loro ultima fatica. Rispetto ai due album precedenti, intitolati “The Hellbum” e “A Night In The Gutter”, ci sarebbe stata una sensibile evoluzione nel modo di comporre, e un appesantimento nei suoni....

Rue The Day – Recensione: The Machine

Non sembrano certo persone immodeste i britannici Rue The Day, band nata da un paio d’anni, al suo esordio discografico su Casket Music, che nel proprio sito web si autodescrivono come “la crema del metal delle Midlands” e considerano il loro sound come “scintillating, powerful and passionate”. Non...

Simone Fiorletta – Recensione: My Secret Diary

La stessa Lion Music, nelle sue note di presentazione sempre ricche di particolari, descrive Simone Forletta, membro dei Moonlight Comedy oltre che autore di un altro disco solista, intitolato “Parallel Worlds”, mettendo in risalto particolarmente la sua versatilità. Descrizione perfettamente azzeccata, non c’è dubbio; complici un paio di...