Autore: Anna Minguzzi

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

About Anna Minguzzi

has published 10205 posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

Kiko Loureiro – Recensione: Fullblast

Insieme al compagno di avventure Felipe Andreoli al basso e il mago delle pelli Mike Terrana, il bel chitarrista degli Angra arriva al traguardo del suo terzo disco solista. Più vicino allo stile del primo album, “No Gravity”, ma decisamente più maturo, “Fullblast” esprime in modo migliore le...

Bai Bang – Recensione: Are You Ready

Il mercato nordeuropeo dell’hard rock, sleaze e derivati si sta decisamente sovraffollando, e accanto ai volti nuovi ricompaiono anche i “veterani”, come i Bai Bang appunto, che nonostante in vent’anni di carriera abbiano prodotto soltanto sei album in studio, riusciranno a destare interesse negli amanti di lacca, lustrini,...

Miosis – Recensione: Albedo Abduction

Una sequenza di brani costruiti mescolando con intelligenza dark e progressive, per un gruppo che cita come principali influenze gruppi come Tool e Isis, nomi di tutto rispetto e anche abbastanza difficili da emulare. Con questa premessa, c’è da aspettarsi molto dal lavoro d’esordio degli svedesi Miosis, i...