Autore: Anna Minguzzi

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

About Anna Minguzzi

has published 9889 posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

Koritni – Recensione: Lady Luck

Se Lex Koritni non fosse nato nel 1984, ma una ventina di anni prima, e avesse pubblicato “Lady Luck”all’incirca nell’anno in cui è nato, probabilmente sarebbe diventato un artista molto acclamato della scena rock californiana, pur essendo lui nato in Australia e abbia formato un gruppo composto principalmente...

Fuori Uso – Recensione: Black Signs

Arrabbiati, politicamente scorretti, aggressivi, con un sound di tutto rispetto e una grinta da spaccare il mondo. Ascoltando soprattutto i primi brani del disco d’esordio dei bergamaschi Fuoriuso, ma anche solo guardando la copertina del disco, con una bambina dall’aspetto apparentemente innocente, e in realtà pronta per girare...

Patrick Carlsson – Recensione: Melodic Travel

L’ascolto del secondo album di questo chitarrista svedese lascia a dir poco interdetti. È decisamente difficile, infatti, inquadrare Patrick Carlsson all’interno di uno stile musicale, in quanto la sua caratteristica dominante è quella di associare ai tipici virtuosismi neoclassici, propri della sua terra di origine, un numero incredibile...