Autore: Anna Minguzzi

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

About Anna Minguzzi

has published 9892 posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

Simone Fiorletta – Recensione: My Secret Diary

La stessa Lion Music, nelle sue note di presentazione sempre ricche di particolari, descrive Simone Forletta, membro dei Moonlight Comedy oltre che autore di un altro disco solista, intitolato “Parallel Worlds”, mettendo in risalto particolarmente la sua versatilità. Descrizione perfettamente azzeccata, non c’è dubbio; complici un paio di...

Kyrbgrinder – Recensione: Defiance

Dietro questo nome quasi impronunciabile si nasconde un trio di musicisti forse noti solo ai più competenti, ma sicuramente meritevoli di attenzione. Mente del gruppo, nonché cantante, è il batterista dei Threshold Johanne James, che in “Defiance” svolge anche il ruolo di cantante, riuscendo ad esprimere un concentrato...

StoneLake – Recensione: World Entry

Per dirla tutta, l’aria perplessa l’hanno anche loro, gli stessi Stone Lake, quando ti fissano dalle foto promozionali. Effettivamente, non si può proprio dire che questo “World Entry” abbia qualcosa per cui possa diventare un disco memorabile. Intanto c’è da essere perplessi per il fatto che la band...

Tomorrow’S Eve – Recensione: The Tower

In questo momento i Tomorrow’s Eve sono all’opera nel loro studio di registrazione per preparare il nuovo full-length. Nell’attesa, gli appassionati e i curiosi possono ascoltare queste quattro tracce, indicative per mostrare le future intenzioni della band. I brani originali in realtà sono solo i primi due, mentre...

Awake – Recensione: Illumination

Sono stati definiti la versione inglese degli Evergrey, al punto tale che lo stesso Tom S.Englund ha dato il suo contributo alla realizzazione di questo disco, che alla fine ha ben poco di britannico e molto più (compresa la sede di registrazione e mixaggio) di scandinavo. Ciò non...

Daydreamer – Recensione: Daydreamer

In mezzo al marasma di una serie di dischi di valore scarso o nullo, capita per fortuna di imbattersi ogni tanto in qualche prodotto davvero meritevole di attenzione. Il disco d’esordio degli svizzeri Daydreamer è uno di questi. Una copertina enigmatica (chi sono e cosa rappresentano le due...