Autore: Anna Minguzzi

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

About Anna Minguzzi

has published 9992 posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

Venturia – Recensione: Hybrid

Quello dei Venturia è ancora una volta un genere musicale del tutto particolare, dove culture europee, svizzera e francese in particolare, si incontrano con quella americana del cantante Marc Ferreira, con il risultato di un prog elettronico difficile da inquadrare, vivace e fonte di continue sorprese. L’idea più...

Cyber Cross – Recensione: Ira

Senza voler sminuire i Cybercross, il loro logo inizialmente incomprensibile da decifrare e tutta la forza che si sprigiona dai loro pezzi, si potrebbe dire che “Ira” sia una buona colonna sonora per quei giorni in cui proprio non ci si vorrebbe tirare su dal letto, per un...

Martone – Recensione: Clean

A un anno di distanza dal suo lavoro precedente, Dave Martone torna sulla scena, questa volta con un disco che non ha assolutamente nulla in comune con “When The Aliens Come”. Se l’album del 2007 rivelava la vena più intransigente e sperimentale della sua composizione, questo “Clear”, come...