Autore: Anna Minguzzi

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

About Anna Minguzzi

has published 8911 posts

Va molto fiera del fatto di essere mancina e di essere nata a San Giovanni in Persiceto, paese della provincia bolognese. Ha scritto le sue prime recensioni a dodici anni durante un interminabile viaggio in treno e da allora non ha quasi più smesso. Quando non scrive o non fa fotografie legge, va a teatro, canta in due cori, va in bicicletta, guarda telefilm, mangia Pringles, beve the e di tanto in tanto dorme. Ci tiene a ribadire che adora i Dream Theater, che ha visto dal vivo almeno venti volte, e se non assiste ad almeno un concerto ogni settimana va in crisi di astinenza.

Michael Katon – Recensione: M. K.

Sembra un periodo abbastanza prolifico per il rock dalle influenze blues, come dimostra questo altro disco di Michael Katon, che ancora una volta ci fa immergere in un’atmosfera fatta da una strumentazione essenziale, che si associa alternativamente a brani veloci, ironici e malinconici. La musica di Michael Katon...

Tears Of Anger – Recensione: In The Shadows

Si definiscono come “metal melodico con influenze progressive”, gli svedesi Tears Of Anger, gruppo nato all’inizio degli anni Novanta dall’idea dei fratelli Benny e Bjorn Jansson, alla loro seconda uscita. Definizione esattissima, che potrebbe completarsi con l’aggiunta, dopo la parola “melodico”, di “un po’ banale”. C’è un sapore...

G3 – Recensione: Live In Tokyo

Un anno già particolarmente significativo si conclude in maniera più che degna per gli appassionati di sei corde, con l’arrivo puntuale del circo chiamato G3, che quest’anno vede come protagonisti, oltre agli immancabili Joe Satriani e Steve Vai, il ritorno di John Petrucci. Se Babbo Natale vi ha...