Autore: Andrea Sacchi

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

About Andrea Sacchi

has published 3533 posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

Last Tribe – Recensione: The Uncrowned

Avete presente quei dischi ineccepibili da un punto di vista tecnico, ma un po’ freddi e privi di quell’impatto emozionale che dovrebbe creare coinvolgimento nell’ascoltatore? Ecco, i Last Tribe rientrano in questa categoria. ‘The Uncrowned’ è un disco suonato in maniera impeccabile, un metal melodico e arrangiato con...

Airborn – Recensione: D-Generation

Dopo l’album di esordio ‘Against The World’, tornano i nostri connazionali Airborn, con una release che si colloca di diritto tra gli album italiani di metal classico più interessanti di questo 2003. Pur rimanendo legati ad un background lirico debitore alla SCI-FI, in ‘D-Generation’ gli Airborn si scrollano...

Majesty – Recensione: Reign In Glory

Non c’è che dire, i Majesty sono tornati in grande stile con una nuova release che farà senz’altro la felicità di tutti i cultori dell’epic metal incontaminato. ‘Reign In Glory’ appare subito più convincente rispetto al suo predecessore ‘Sword And Sorcery’, sia per quanto riguarda il livello qualitativo...

The Forsaken – Recensione: Traces Of The Past

Ciò che colpisce nel death metal svedese è l’estrema eterogeneità delle proposte dei suoi maggiori esponenti. Si va dall’efferatezza sonora combinata alla tecnica esecutiva degli At The Gates alle divagazioni sinfoniche dei Children Of Bodom, fino ad arrivare all’insuperabile classe compositiva degli Arch Enemy. Differentemente dai propri connazionali,...