Autore: Andrea Sacchi

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

About Andrea Sacchi

has published 3481 posts

Poser di professione, è in realtà un darkettone che nel tempo libero ascolta black metal, doom e gothic, i generi che recensisce su Metallus. Non essendo molto trve, adora ballare la new wave e andare al mare. Ha un debole per la piadina crudo e squacquerone, è rimasto fermo ai 16-bit e preferisce di gran lunga il vinile al digitale.

Marduk – Recensione: Viktoria

Squadra che vince, non si cambia. Partendo da questo assunto possiamo affermare che “Viktoria” è l’ennesimo buon album in studio dei Marduk dell’era Mortuus. Certo, dopo quasi trent’anni di attività e quattordici dischi, sarebbe sbagliato pretendere una qualsivoglia novità dalla corazzata svedese, che prosegue imperterrita in ciò che...

Khemmis – Recensione: Desolation

I Khemmis, four-piece di Denver, presentano il terzo studio album “Desolation”, in uscita sul mercato europeo in questi giorni sotto l’egida di Nuclear Blast. La band, che molti consensi ha riscosso presso gli addetti ai lavori con i precedenti dischi “Absolution” (2015) e soprattutto “Hunted” (2016), si appresta...

Midnattsol – Recensione: The Aftermath

Era dal 2011 che non avevamo notizie dei Midnattsol, all’indomani di un album non propriamente esemplare come “The Metamorphosis Melody” e con successivi problemi di stabilità della line-up. Il nuovo disco “The Aftermath” fa notizia soprattutto per l’ingresso in formazione dell’altra sorella Espenæs, ovvero Liv Kristine, anch’ella fresca...

Abhor – Recensione: Occulta ReligiO

“Occulta ReligiO”, settimo album in studio dei padovani Abhor, conferma la band come una solida e interessante realtà nel panorama black metal nazionale. Pur legati ai canoni della tradizione, i veneti hanno manifestato un approccio del tutto personale ad ogni album, lasciando che la matrice black andasse di...

Graveyard – Recensione: Peace

Sul finire del 2016, l’inaspettato annuncio dello scioglimento, seguito, solo qualche mese più tardi, da una altrettanto inaspettata reunion, purtroppo orfana del batterista  Axel Sjöberg, in seguito sostituito da Oskar Bergenheim. L’avventura dei Graveyard, dunque continua. Un bene dal nostro punto di vista, perché la band svedese ha...

Thy Catafalque – Recensione: Geometria

Tagliato il significativo traguardo dei vent’anni di attività, gli ungheresi Thy Catafalque tornano sul mercato discografico con “Geometria”, ottavo album in studio per il progetto del multi-strumentista, compositore e cantante Tamás Kátai, che ancora una volta si è avvalso del contributo di un gruppo di ospiti a completamento...

Acherontas – Recensione: Faustian Ethos

Freschi di contratto con Agonia Records, i black metallers greci Acherontas tornano sul mercato discografico con “Faustian Ethos”, il settimo album in studio. La band ateniese (guidata dal vocalist, chitarrista e principale compositore Nikolaus “Acherontas” Panagopoulos), pur legata ai canoni della tradizione, ha saputo creare uno stile espressivo...

Dimmu Borgir – Recensione: Eonian

Epico, sinfonico, magniloquente. Forse anche troppo. Otto anni di assenza non sono certo pochi e l’hype creato attorno a “Eonian”, decimo studio album dei Dimmu Borgir, elevatissimo. Un periodo tanto lungo implica indubbiamente una volontà di cambiamento e ricerca, cosa che effettivamente si coglie nel nuovo album e...

Varathron – Recensione: Patriarchs Of Evil

“Patriarchs Of Evil” è il sesto album in studio dei Varathron, in uscita per Agonia Records esattamente nel trentesimo anno di attività della band. I veterani greci, che ruotano attorno alla figura del vocalist e principale compositore Stefan Necroabyssious sono di fatto contemporanei a molti e ben più...