Autore: Andrea Del Prete

About Andrea Del Prete

has published 117 posts

Manngard – Recensione: Circling Buzzards

Debut album per i norvegesi Manngard. Vista la provenienza, occorre precisare che di black metal nel qui presente “Circling Buzzards” non vi è ombra, anzi siamo di fronte ad una mediazione tra il tipico suono slayeriano ‘hardcorizzato’ ed un substrato tipicamente nord europeo (vedere alla voce ‘atmosfere’). La...

Fragments Of Unbecoming – Recensione: Sterling Black Icon (Chapter III – Black But Shining)

Spontaneamente oggigiorno, è sempre più semplice stroncare dischetti di dubbia qualità, considerando i movimenti a dir poco omogenei del mercato discografico ‘metallico’. Analisi calzante ai teutonici Fragments Of Unbecoming giunti al terzo lavoro (!!!). Com’è inoltre possibile che una label competente come Metal Blade scritturi act dalla personalità...

Haemorrhage – Recensione: Apology for Pathology

Gli iberici Haemorrhage sono, da oltre un decennio nell’underground ‘metallico’, un piccolo culto di intransigenza sonora death/grind. “Apology for Pathology”, a ben quattro anni dall’ultimo full “Morgue Sweet Home”, si conferma platter riuscito anche se debitore oltremodo della scuola carcassiana. Jeff Walker e soci si rivelano, senza timore...

Pentagram – Recensione: First Daze Here Too

Pentagram sono nella leggenda. Nati in concomitanza ai Black Sabbath, con i quali condivisero da una parte all’altra dell’Oceano, l’alone oscuro del rock negli anni ’70. Come ben sapete, all’act di Birmingham arrise ben altra fortuna, pubblicando album che segnarono un’epoca, in nostri per contro, rimasero nell’ombra ‘underground’,...

Hacavitz – Recensione: Venganza

Death metal puro quello proposto dai messicani Hacavitz. A tal riguardo, la bio allegata evidenzia la similitudine musicale dei nostri con i ‘velocissimi’ Krisiun ed i primi Morbid Angel, nonché una devozione alla mitologia nei testi e qui apparirebbero i Nile come riferimento. Però altisonanti influenze, a volte,...

Norma Jean – Recensione: O’ God, The Aftermath

Seconda uscita ufficiale per l’act ‘christian-hardcore’ Norma Jean. “O’ God, The Aftermath” si pone fin dalle battute inziali, platter decisamente interessane, forte di una produzione ad hoc ed una perizia tecnica invidiabile. L’urlo ‘anselmiano’ di Cory Brandan Putman poi, si eleva come elemento caratteristico efficace, nonché tremendamente potente....