Autore: Alessio Minoia

About Alessio Minoia

has published 47 posts

Tystnaden – Recensione: Sham Of Perfection

Inutile nonostante il voto finale…e potremmo tranquillamente fermarci qui, questa è la considerazione finale dopo aver ascoltato l’esordio su etichetta Limb Music dei friulani Tystnaden. Registrato e prodotto agli oramai mitici New Sin Studios sotto la direzione del noto Luigi Stefanini (Dark Moor, Icycore), ‘Sham Of Perfection’ si...

Red Circuit – Recensione: Trance State

La presentazione è delle più invoglianti: Chity Somapala (ex Ivanhoe), Markus Teske (produttore Vanden Plas e Symphony X) e il contributo disinteressato di Patrick Rondat (Elegy), Stephan Lill (Vanden Plas) e Stephan Forte (Adagio) per il debutto di un autentico supergruppo di melodic progressive Metal. Malgrado i Red...

Sothis – Recensione: Fusion

Non ce ne vogliano i nostrani Sothis ma questo primo album non riesce a convincere per niente. Mai titolo fu infatti più profetico di questo ‘Fusion’ visto che l’impressione è quella di trovarsi a recensire un “Frankenstein” di parti realizzate in epoche differenti. Marcata è la differenza di...

House Of Mirrors – Recensione: Desolation

Tralasciando una copertina di dubbio gusto incomprensibilmente legata al titolo dell’album, ‘Desolation’ è il più che discreto come back dei finnici House Of Mirrors, seguito di quel ‘Nightflight To Paradise’ passato in dimenticatoio (giustamente) nel giro di pochissimo tempo dopo l’uscita avvenuta nel 2004. Stavolta il five piece...

Martin Jeff – Recensione: Fool

Per chi non conoscesse Jeff Martin basterà citare i nomi di Racer X, Badlands, Michael Schenker e Paul Gilbert, rigorosamente in ordine sparso, ai quali l’autore di questo disco d’esordio ha legato, in qualità di cantante o batterista, le sorti di una carriera sempre vissuta con onestà e...

Manitou – Recensione: Deadlock

Una piacevole sorpresa questi Manitou. Attivi musicalmente dal 1998 i cinque finlandesi (per la precisione di Karhula) hanno da subito tentato di miscelare la tradizionalità dell’ heavy metal inglese (Judas Priest, Iron Maiden, Ozzy) con gli influssi modernisti e contemporanei di quello americano (Queensryche, Annihilator, Dream Theater). Un...

Venturia – Recensione: The New Kingdom

I Venturia sono la classica mosca bianca all’interno del panorama heavy francese: innanzitutto perché propongono un prog metal veramente interessante in un paese che non ha mai sfornato (almeno finora) prodotti di questo genere degni di nota, poi c’è da segnalare la scelta delle due voci soliste (quella...