Autore: Alessandro Battini

E’ il sinfonico della compagnia. Dai Savatage ai Dimmu Borgir, passando per i Rhapsody, predilige tutto ciò che è arricchito da arrangiamenti sontuosi ed orchestrazioni boombastiche. Nato e cresciuto a pane e power degli anni ’90, si divide tra cronache calcistiche, come inviato del Corriere Dello Sport, qualità in azienda e la passione per la musica. Collezionista incallito di cd, dvd, fumetti, stivali, magliette dei concerti, exogini e cianfrusaglie di ogni tipo, trova anche il tempo per suonare in due band.

About Alessandro Battini

has published 849 posts

E’ il sinfonico della compagnia. Dai Savatage ai Dimmu Borgir, passando per i Rhapsody, predilige tutto ciò che è arricchito da arrangiamenti sontuosi ed orchestrazioni boombastiche. Nato e cresciuto a pane e power degli anni ’90, si divide tra cronache calcistiche, come inviato del Corriere Dello Sport, qualità in azienda e la passione per la musica. Collezionista incallito di cd, dvd, fumetti, stivali, magliette dei concerti, exogini e cianfrusaglie di ogni tipo, trova anche il tempo per suonare in due band.

Athlantis – Recensione: Chapter IV

Gli Athlantis arrivano al quarto album in carriera. Anzi no. “Chapter IV” è di fatto il quarto capitolo della discografia della band ligure, e lo si evince anche dal titolo, nonostante il secondo full lenght “Metalmorphosis” risulti ancora inedito. Dopo “M.W.N.D.” Steve Vawamas e soci tornano agli esordi,...

Tommy Vitaly – Recensione: Indivisible

“Indivisible” è il terzo album del guitar hero Tommy Vitaly, uno dei portabandiera del neoclassical power metal. Il compositore toscano ha chiamato anche per questo nuovo capitolo della propria discografia un bel gruppo di ospiti di grande caratura, che rendono ovviamente il prodotto finito davvero appetibile per i...

Cellador – Recensione: Off The Grid

Si sono fatti attendere ben undici anni i Cellador, per tornare sul mercato con un nuovo disco dopo il discreto esordio “Enter Deception“. Di acqua sotto i ponti ne è passata parecchia ma, anche se l’approccio al genere (il power metal), è profondamente cambiato, il tempo sembra essersi fermato...